Angelo Ursella

Foto dall'archivio di Zandonella Callegher

Angelo Ursella fu originario di Buia. Può essere considerato, assieme a Lomasti, il più grande “solitario” friulano. Tra le sue scalate possiamo citare lo Spigolo degli Scoiattoli, la Maestri alla Roda di Vael, la Punta Giovannina nelle Tofane e, il suo capolavoro, lo Sperone Walker alle Jorasses.  Angelo aveva un carattere timido e soffriva di un certo isolamento dall’ambiente alpinistico. Fu autodidatta in tutto, sia nella tecnica di arrampicata sia nella fabbricazione degli attrezzi, grazie al suo lavoro di carpentiere. Perì durante l’ascesa alla Nord dell’Eiger mentre tentava la salita con Sergio De Infanti.