La figura dell’istruttore

La legge 24 dicembre 1985 n. 776 con l’art. 2 ha riconosciuto il diritto del Club Alpino Italiano di organizzare in base ai propri regolamenti “scuole e corsi di addestramento a carattere non professionale per le attività alpinistiche, scialpinistiche, escursionistiche, speleologiche, naturalistiche e per la formazione dei relativi istruttori”.
Più che riconoscere un diritto l’art. 2 e l’intera legge n. 776/85 investono il Club Alpino Italiano di vere e proprie competenze esclusive in materia talchè la normativa in esame sarebbe da sola sufficiente a rendere legittima e riconosciuta dall’ordinamento dello stato l’attività delle scuole e degli istruttori del C.A.I.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>